L’Atalante è un film del regista francese Jean Vigo, del 1934, considerato tra i grandi capolavori del cinema di tutti i tempi. La storia si svolge a bordo di una chiatta, L’Atalante, dove due giovani sposi, Jean e Juliette, trascorrono i primi giorni di luna di miele. Ben presto questo viaggio si rivelerà pieno di personaggi bizzarri e situazioni inaspettate, mettendo alla prova l’amore della coppia. Il film è permeato da una narrazione che sfocia nel magico e nel surreale, cavalcando il filone del cinema degli anni ’20 e anticipando di molti anni quella che sarebbe stata la rivoluzione cinematografica della nouvelle vague. Si può percepire l’influenza di questo film anche in produzioni più recenti, basti pensare a Michel Gondry o a Wes Anderson, due registi che sanno giocare magistralmente con la fantasia.

In una scena de L’Atalante c’è un poster appeso nella cabina di Père Jules, il marinaio della nave. Per una strana coincidenza avevamo questa riproduzione del poster anche nel nostro laboratorio. Facendo le opportune ricerche abbiamo scoperto che questo tipo di stampe veniva utilizzato negli anni ’20 per le pubblicità cinesi, nello specifico a Shanghai, porto commerciale già allora frequentatissimo. Questi manifesti pubblicizzavano sigarette, seta, diserbanti, e avevano la funzione di cogliere immediatamente l’attenzione dell’acquirente straniero grazie alla bellezza delle modelle che venivano rappresentate. Per rendere omaggio al film e a questa particolare coincidenza, abbiamo realizzato una cornice in mogano per impreziosire il poster, rifinendola con una gommalacca dalle tonalità scure. Il risultato finale è un bellissimo oggetto dalla storia curiosa, un omaggio al capolavoro del regista francese scomparso prematuramente a soli 29 anni.

Social